Arda Solutions s.r.l. | The Informal Blog

Posts tagged ‘automation’

Arda Solutions sarà Silver Sponsor al DevOps Italia 2016

devops2

Su queste pagine vi abbiamo parlato spesso (quando possibile!) delle nuove evoluzioni nel campo IT per quanto riguarda tecnologie e metodologie.

Da tempo Arda Solutions è impegnata nel promuovere le tecnologie collegate alla metodologia DevOps con particolare riferimento a quelle applicate al cliente finale.

Se volete, Qui, qui e qui potete trovare alcune fra le tante tags utilizzate sul nostro blog per descrivere argomenti che cadono sotto il cappello DevOps e, per questo motivo, Arda Solutions sarà presente all’evento di Bologna #IDI2016  come Silver Sponsor…

Di seguito: programma, links, informazioni aggiuntive e, sopratutto, perché è un evento a cui non potete mancare! Noi saremo la, veniteci a trovare!

(more…)

Docker machine e strategie multi cloud

multi-cloud-1

Questo post nasce in risposta ai numerosi progetti che ultimamente ci stiamo trovando ad affrontare.

Sempre più aziende tendono a voler “staccare” pezzi della propria infrastruttura, portandoli all’esterno del perimetro, in cloud: alcuni in ottica SaaS altri IaaS. E’ però necessario ricordare come, una scelta del genere (più che corretta, nel 2015) deve essere sostenuta anche da un cambio di mentalità: modalità diverse di gestione applicativa, approccio differente all’HA e la forte convinzione che l’utilizzo delle potenzialità del cloud passa anche (e sopratutto) attraverso l’utilizzo di sistemi di automazione. Docker, punta di diamante dei container, definisce meglio questo approccio agnostico portando, anche nei container, la possibilità (relativamente semplice) di sviluppare una strategia multi cloud

(more…)

Microsoft unisce hyperv e docker : nano server per il cloud

nano2

Un sistema operativo dedicato al cloud? Sembra che anche Microsoft continui nella sfida e, nella prossima release del suo sistema operativo Server, creerà una versione light appositamente pensata per stare in cloud, capace di scalare orizzontalmente e che supporti anche i contenitori … Vi viene in mente qualcosa?

(more…)

IT manager, provisioning lento e shadow IT dilagante

2315

Di Shadow IT ormai se ne parla abbondantemente da un po’ di tempo. Lo shadow IT è quel comportamento assunto (da alcuni anni a questa parte) da alcuni reparti per mantenere le richieste di risorse al passo del mercato che cercano di governare (vedi reparto Marketing, vendite etc). Noi ne avevamo già parlato qui, all’interno di un articolo più tecnico, ma evidenziando come le aziende, rinunciando alle evoluzioni cloud-like (quindi non necessariamente solo cloud: ma sopratutto provisioning rapido e automazione) di fatto prestassero il fianco allo shadow IT. Lo shadow IT insomma è il reparto marketing che, stanco di aspettare per qualche giga di spazio disco per scambiarsi file tra loro, apre un account dropbox e ci riversa tutta la campagna marketing del prossimo anno… E la colpa è solo dell’IT . (punto)

(more…)

Vmware con vsphere 6 trascina l’adozione di openstack fra hybrid cloud e tosca

Screen-Shot-2014-08-29-at-8.09.51-AM

Con l’uscita dalla fase beta della versione 6 di vsphere c’è stata un esplosione di post per commentarne le nuove funzionalità e le migliorie introdotte. Questo post ricalca un po’ la stessa via ma con l’intenzione di puntare il dito sopratutto sulle scelte strategiche di vmware con particolare riferimento a quello che sarà il futuro delle infrastrutture elastiche e ibride, campo su cui vmware vuole essere ancora leader.

Nemmeno a dirlo parlando di cloud i grandi competitor (e parliamo di enterprise) sono: AWS e Microsoft, eppure molti altri si stanno affacciando sul mercato cercando un appiglio “local” per rendere l’infrastruttura ibrida e scalare all’esterno verso il cloud. Vmware in questo caso strizza l’occhio e introduce ufficialmente openstack nel core hypervisor supportando tutta la strategia nata con l’openstack alliance.

(more…)

Scelte strategiche e trends IT 2015

cloud-comic3

Come ogni fine anno si tirano le somme di quanto fatto e si tracciano le linee guida di quello che si vorrà fare e di quel che succederà. Nessuno naturalmente ha la sfera di cristallo ma abbiamo la fortuna di essere ogni giorno sul mercato e quindi di toccare con mano per primi quali siano le necessità delle aziende e dove il mercato sta andando. Report di analisi, elaborazione dei dati, interviste, abbonamenti Gartner etc aiutano come metro generale ma è poi sulle aziende che si gioca la partita, nella voglia di cambiare e nella necessità di farlo per mantenersi sempre preformanti e competitive spendendo dove il ritorno d’investimento sia il più rapido possibile. In un anno che ha dimostrato come la pressione verso le scelte demandate al management che si occupa di IT sia sempre maggiore (prova ne sia che molti IT manager ora cambiano posizione finendo “sotto” dirigenti amministrativi / Finanziari), puntare il dito sulla scelta corretta può rendere il futuro dell’azienda migliore o peggiore. Quest’articolo cerca di fare un po’ di luce su quello che potrebbe accadere e sui trends che ci aspettiamo in questo 2015

(more…)

deis.io : il sexy PaaS che include IaaS, docker e cambia il cloud

BvpusG2CIAEQLCQ

Ultimamente ci stiamo concentrando parecchio qui in Arda Solutions testando nuovi paradigmi che rendano più comodi e fruibili i servizi di deploy, test e gestione infrastrutturale, ne usiamo e proponiamo già molti ma l’argomento è veramente in grande evoluzione e le soluzioni sempre più avanzate e complete! Per nostra natura il nostro perimetro resta lo IaaS, è li che siamo forti e abbiamo un grosso know how ma, non è più cosi raro nell’ultimo periodo arrivare anche a fornire strumenti per la gestione di quello che “sta sopra”. Nel paradigma cloud questo significa PaaS e quindi un “framework” in grado di gestire (o dare per scontata) la parte infrastrutturale fornendo strumenti per uno sviluppo agile, oppure per creare nuove applicazioni oppure per distribuirle in modo più rapido e semplice. E’ questo il caso, per esempio, di deis.io, la piattaforma di cui parleremo oggi che unendo docker e PaaS dovrebbe portare quella sferzata di aria fresca necessaria all’adozione del cloud in modo più orizzante

(more…)

Cultura, metodi e IT Automation

aut4oil

Recentemente ci è capitato di avere un incontro molto interessante con un IT Director “illuminato” che si è svolto in modo un po’ diverso rispetto al solito. Partiti come al solito per capire in che modo le soluzioni di Arda Solutions potessero essergli utili ci siamo ritrovati a parlare di “cultura dell’automazione” e abbiamo condiviso con lui molti aspetti che riguardano il nostro lavoro giornaliero. Non è raro infatti trovarsi a parlare dell’utilità di automatizzare i processi, e non di come l’automatismo di per se offra valore aggiunto ma proprio del fatto che sia giusto o meno automatizzare i processi (anche se ripetitivi). Molte volte l’automazione viene vissuta come perdita di controllo oppure con paura, intravedendo il rischio di non “essere più utili” poiché sostituiti da software in grado di sopperire ad ogni esigenza. Mentre le infrastrutture tendono a diventare sempre più liquide e il provisioning delle risorse è un analisi che non può più essere fatta a priori, l’unica cosa che ci rimane da poter “immaginare” è la nostra capacità di reagire alle repentine richieste che ci arrivano ogni giorno, sempre più veloci e sempre più complesse, l’IT automation nasce per questo ma, come sempre, è più una questione di metodo che di strumenti…

(more…)

Chocolatey l’apt-get che mancava a windows !

026 - edited

Oggi scrivo di un argomento “leggero” che però potrebbe essere interessante per quelli di voi che sono interessati a processi e tool di automazione in ambito IT.

Parlando di sistemi operativi molti di noi hanno conoscenze che riguardano sia l’ambiente Microsoft ma, sopratutto, ambienti a derivazione Linux. Avanzando nell’utilizzo di sistemi Microsoft molte volte mi sono imbattuto nella necessità (o comodità) di installare pacchetti e funzionalità multiple con una semplice stringa composta a linea di comando. Sulle derivate Linux questo vuol dire installare con un apt-get qualcosa oppure uno yum qualcos’altro mentre su windows questo non *era* possibile. Grazie all’introduzione di powershell però si è affacciata anche per i sistemi Microsoft la possibilità di utilizzare comandi “apt-get like” , oggi vi presento Chocolatey, l’apt-get che mancava a Windows

(more…)

A proposito di heart bleed bug, patch e remedetion: quando è il vendor quello lento

cartoon251

Di recente abbiamo parlato di automation come rimedio rapido a problemi che richiedono una soluzione veloce. Come detto è necessaria una buona dose di “cultura”, processi correttamente ingegnerizzati, e prodotti a supporto dell’automazione. Avremo quindi un infrastruttura in grado di reagire a problemi e modificare la propria configurazione in tempi rapidi. Ma cosa succede quando l’aggiornamento di appliance e device è direttamente responsabilità del vendor? Abbiamo il caso specifico della corsa ai ripari in seguito alla “scoperta” dell’heart bleed bug e la nostra odissea per supportare i clienti in fase di aggiornamento contro i “tempi biblici dei vendor” è, ahimè, appena iniziata

(more…)

%d bloggers like this: