Arda Solutions s.r.l. | The Informal Blog

aut4oil

Recentemente ci è capitato di avere un incontro molto interessante con un IT Director “illuminato” che si è svolto in modo un po’ diverso rispetto al solito. Partiti come al solito per capire in che modo le soluzioni di Arda Solutions potessero essergli utili ci siamo ritrovati a parlare di “cultura dell’automazione” e abbiamo condiviso con lui molti aspetti che riguardano il nostro lavoro giornaliero. Non è raro infatti trovarsi a parlare dell’utilità di automatizzare i processi, e non di come l’automatismo di per se offra valore aggiunto ma proprio del fatto che sia giusto o meno automatizzare i processi (anche se ripetitivi). Molte volte l’automazione viene vissuta come perdita di controllo oppure con paura, intravedendo il rischio di non “essere più utili” poiché sostituiti da software in grado di sopperire ad ogni esigenza. Mentre le infrastrutture tendono a diventare sempre più liquide e il provisioning delle risorse è un analisi che non può più essere fatta a priori, l’unica cosa che ci rimane da poter “immaginare” è la nostra capacità di reagire alle repentine richieste che ci arrivano ogni giorno, sempre più veloci e sempre più complesse, l’IT automation nasce per questo ma, come sempre, è più una questione di metodo che di strumenti…

Come detto quindi, il problema non sta nello strumento che proponiamo, come spesso accade in questo settore ci sono molti prodotti che fanno ottimamente quello stesso lavoro. Il problema semmai è comprendere a pieno cosa vuol dire introdurre processi di IT Automation all’interno della propria infrastruttura. Ci sono aziende, anche di certe dimensioni, anzi, sopratutto di certe dimensioni, che hanno una schiera di ottimi Sysadmin letteralmente incastrati a risolvere le attività day-by-day, che passano anni interi ad inseguire ticket o a gestire infrastrutture complesse che hanno (giustamente) bisogno di manutenzione ordinaria (un 70-80% costante del tempo nonostante l’evoluzione dei sistemi). E questo è il primo e fondamentale punto, queste persone potrebbero impegnarsi quasi unicamente sull’evolutiva aziendale, avendo come unica attività di routine quella di plasmare l’infrastruttura di automazione, al posto di avere progetti evolutivi seguiti da team specializzati si avrebbero le stesse persone che seguono l’infrastruttura, impegnate su 2 fronti: uno “ordinario” e uno “straordinario” per ottimizzare e migliorare continuamente l’infrastruttura esistente. Questo quadro, visto così, è un quadro ben ottimizzato, migliore e che fa risparmiare tantissimo! E’ quindi certo che l’interesse per queste metodologie debba essere necessariamente grande per aziende che sono attente ai costi e impegnate nella costante evoluzione del proprio business, avendo ben presente questo punto fondamentale la discussione si sposta sul come e non più sulla fare o non fare automazione.

In oltre, questa “resistenza” all’automazione mal si sposa con un altro dato: la maggior parte (se non la totalità) delle società accetta o ha accettato completamente di adottare e implementare ogni sorta di virtualizzazione, consolidamento e, ultimamente, di software defined ma, è molto più difficile parlare di definizione di workflow automatici e di introduzione dell’automation e farlo considerare altrettanto strategico (se non di più!)

Il “come” fare automazione a questo punto apre mille scenari in cui è semplicemente la nostra volontà a decidere. Ci sono realtà che non dispongono nemmeno di un CMDB (componente fondamentale nell’approccio ITIL) e ragionano ancora in termini di macchina e non di servizio. Attivarsi in modo che l’automazione diventi una componente strategica in un azienda orientata al business è il primo passo per ottimizzare i processi, permettendo di avere l’evoluzione sempre sotto controllo cosi come tutti gli altri parametri fondamentali.

A breve inseriremo anche nuovi articoli riguardanti alcuni approcci legati all’automazione infrastrutturale con qualche chicca ed esempio di software di vario genere!

 

P.S. Gli articoli si sono diradati ma solo perché, fortunatamente, il nostro nuovo approccio aziendale sta dando i suoi frutti e siamo letteralmente sempre fuori da nuovi e interessantissimi clienti! A breve novità assolute, restiling completo del sito, nuove soluzioni e importanti eventi! Stai tuned on Arda Solutions !

Leave a Reply