Arda Solutions s.r.l. | The Informal Blog

Archive for July, 2013

Sharepoint 2013 : alcune novità ottime altre meno

sharepoint-20131

Da sempre Microsoft ha avuto questa capacità di insediarsi in mercati (per lei) nuovi con prodotti che all’inizio potevano essere addirittura imbarazzanti. Nel giro però di 2 massimo 3 release riesce sempre a ritagliarsi una buona porzione di mercato, superando in molti casi i concorrenti e offrendo caratteristiche e tecnologie incredibili (Notare sql server e l’evoluzioni dal 2000 al 2012)

Il discorso si ripete con l’avvento di Sharepoint 2013 che aveva già fatto parlare molto di se con la versione 2010! Ottimo strumento, posizionamento di prezzo aggressivo (notare EMC Documentum) e caratteristiche nuove che, a volte fanno piangere e a volte fanno felici, ma che danno un segnale chiaro riguardo alla necessità, prima o poi, di eseguire un upgrade!

Ecco quindi che, nella versione 2013, alcune caratteristiche presenti nella versione 2010 vengo bellamente deprecate, altre invece si introducono con quest’ultima versione per rispondere alle nuove necessità di mercato

(more…)

Separation of duties e Oracle Vault 11gR2

oracle_database_vault

Nella moderna amministrazione digitale, con particolare attenzione sia a compagnie che trattano dati personali  che ad amministrazioni pubbliche , un posto importante trovano i temi di sicurezza dei dati non solo verso l’esterno ( ad esempio accessi non autorizzati e SQL Injection ) ma soprattutto verso l’interno, preservando l’integrità dei dati e la segretezza dall’errore umano e infedeltà dei propri dipendenti. A tal proposito trovano posto strategie di auditing , criptazione del dato , delle connessioni e il concetto di separation of duties altrimenti detto “separazione dei compiti”. Mentre le prime due  possono essere orientate nei confronti dell’intero popolo di utenti di database il terzo è rivolto a figure quali amministratori di sistema e Database Administrator : con ” separation of duties ” ( d’ora in avanti SoD )  ci si riferisce a quel principio che intende separare letteralmente i privilegi di alto profilo distribuendoli su persone diverse.

(more…)

Il perché di un cluster in Guest su infrastruttura virtuale

cluster stars

Nell’attività di tutti i giorni, specialmente in ambienti Enterprise con una policy ben definita riguardo virtualizzazione e strutturazione delle risorse, è difficile trovare cluster di guest sull’infrastruttura virtuale (tipicamente Vsphere).

Il perché è presto detto: gli strumenti (o addons) a corredo dei vari Hypervisor permettono già la gestione dell’HA e in alcuni casi del fault tollerance, ma, a meno di specifiche eccezioni, la necessità alle volte è di monitorare e reagire a fault provenienti dal livello applicativo.

Per questo motivo, alle volte, si preferisce creare, sopra all’infrastruttura virtuale, un cluster con le tecnologie provenienti dal sistema operativo guest.

Esistono però, alternative valide all’utilizzo del clustering guest, che possono far partecipare l’infrastruttura virtuale al failover oppure, in alcuni casi, delegare all’infrastruttura stessa il failover a livello applicativo

(more…)

%d bloggers like this: